Trasporto bici, moto e auto al seguito su treni Trenitalia e Italo

Trasporto bici, moto e auto al seguito su treni Trenitalia e Italo

1

Volete sapere se si possono portare le bici in treno in Italia, come fare e quanto costa?
Ecco una guida completa per chi cerca informazioni per portare con sé in treno il proprio mezzo di trasporto e fatica a trovare informazioni su internet e sui siti ufficiali.

Trasporto bicicletta in treno

Trenitalia

Bici in treno Chi ha una bici pieghevole deve soltanto chiuderla e sistemarla negli spazi riservati ai bagagli facendo attenzione che rimanga sempre ferma durante il viaggio.

Per quanto riguarda invece la bicicletta tradizionale occorre distinguere tra treni regionali e treni nazionali; in tutti i casi, smontando almeno una delle due ruote ed inserendo la bici con manubrio ruotato in una sacca di dimensioni massime 80 x 110 x 40 cm, potrà essere portata come bagaglio sui qualsiasi treno regionale, IntercityNotte o Intercity, Frecciarossa, Frecciargento o Frecciabianca. Nell’eventualità di un treno affollato, il personale di bordo potrebbe comunque non permetterne il trasporto.

Vagone biciclette TrenitaliaTreni Regionali: oltre alla possibilità vista sopra di portare la bicicletta smontata come bagaglio, su alcuni treni regionali contrassegnati da un apposito pittogramma, e limitatamente ai posti disponibili negli appositi spazi, ogni viaggiatore può trasportare con sé una bicicletta montata acquistando il supplemento bici al prezzo di 3,5 euro, valido 24 ore e non rimborsabile, oppure un altro biglietto di corsa semplice di seconda classe (più conveniente in caso di brevi tratte).

Acquistando un biglietto online dal sito Trenitalia, per sapere se un treno Regionale consente il trasporto di biciclette occorre cliccare sull’icona i di informazioni posta nella casella con il numero del treno nella prima schermata con l’elenco degli orari, prima di scegliere il treno. In caso positivo si visualizzerà questo messaggio:

Icona bici “Treno con servizio di trasporto biciclette al seguito del viaggiatore”

Treni nazionali: è possibile portare gratuitamente a bordo una sola bicicletta (smontata e contenuta in una sacca o una bici pieghevole opportunamente chiusa), sistemandola negli spazi previsti per i bagagli. Se non ci fosse abbastanza spazio è possibile sistemarla altrove, purché non rappresenti un intralcio. Le dimensioni non devono essere superiori a 80x110x40cm.

Borsa per bici Btwin Decathlon

Ulteriori informazioni (anche per treni internazionali e sconti per tesserati FIAB) e faq si possono trovare qui e qui.

Italo

Il sito fa riferimento soltanto alle biciclette pieghevoli, che possono essere trasportate, gratuitamente, solo se riposte con telaio chiuso nelle apposite sacche e collocate negli spazi dedicati ai bagagli. Verrebbe da pensare che non ci siano comunque problemi nel trasportare anche una bici classica smontata ed inserita in una sacca di dimensioni ragionevoli alla stregua di un bagaglio, purché sistemata in modo da non rappresentare un intralcio o un pericolo per i viaggiatori.

Moto e auto al seguito

Per anni sui treni nazionali di Trenitalia è stato offerto il servizio di auto al seguito (e moto), che però è stato sospeso a fine 2011, anche se sul sito viene indicato di rivolgersi al Call Center di Trenitalia 89 20 21 per necessità di trasporto di singole vetture o mezzi di privati.
Nemmeno Italo offre questo servizio, quindi chi ha questa necessità deve per forza ricorrere al trasporto su autocarro (bisarca).

1 COMMENTO

  1. E’ una cosa vergognosa che TRENITALIA non faccia più il servizio TRENO +AUTO al seguito. Sarei contento sapere se in futuro sarà ripreso il servizio MOLTO UTILE X CHI DEVE SPOSTRASI DAL NORD AL SUD ITALIA SENZA DOVER GUIDARE X ORE.
    Distinti saluti.

Scrivi un commento